Come lavare gli asciugamani: una guida pratica

Non c’è niente di più gratificante della sensazione di uscire dalla vasca o dalla doccia e avvolgersi in un asciugamano pulito, profumato e soffice. Per preservare la bellezza e le qualità di salviette e teli da bagno, evitando che diventino sbiaditi e ruvidi a contatto con la pelle, è però necessario prendersene cura quando si fa il bucato. Per aiutarti nella “missione pulito”, abbiamo realizzato una piccola guida pratica: scopri come lavare gli asciugamani correttamente, i consigli per un’asciugatura ottimale, qualche piccolo trucco e le alternative eco-bio.

Come lavare gli asciugamani senza rovinarli?

Gli asciugamani tendono ad accumulare sporco, germi e batteri, soprattutto se usati frequentemente e senza avere la possibilità di asciugarsi completamente tra un utilizzo e l’altro. Come regola generale, la migliore pratica è cambiarli ogni tre giorni, massimo una volta a settimana: ecco come lavare gli asciugamani, passo dopo passo.


asciugamani bagno

Effettua un lavaggio separato

Inizia dividendo gli asciugamani: idealmente, dovrebbero essere lavati con altri asciugamani, a loro volta suddivisi tra bianchi e colorati, e mai insieme ai vestiti. Ciò ti consentirà di impostare la temperatura di lavaggio corretta e di rispettare standard igienici più alti; inoltre, gli asciugamani potrebbero risultare abrasivi contro i tessuti più delicati.

Scegli la giusta temperatura

Per quanto riguarda il lavaggio della biancheria per il bagno in cotone, ci sono pareri discordanti. C’è chi sostiene che le temperature elevate siano necessarie per eliminare germi e batteri, mentre altri preferiscono il lavaggio a freddo per evitare che gli asciugamani si restringano troppo a livello delle cuciture e che i colori perdano la loro brillantezza. Il nostro consiglio è di non superare i 40°C per gli asciugamani bianchi e i 60°C per i colorati; in questo modo potrai igienizzarli, senza rovinare i colori. Per la microfibra, invece, può bastare un lavaggio a 30°C.

Usa un detersivo adatto

Lava gli asciugamani con un apposito prodotto neutro o con un’alternativa green, senza esagerare però con le quantità per evitare reazioni allergiche. Per una lavatrice a pieno carico (anche se è sempre bene evitare di caricarla troppo) aggiungi non più di due cucchiai di detersivo in polvere o di un misurino di quello liquido; un eccesso di prodotto potrebbe infatti limitare l’assorbenza del tessuto, soprattutto nel caso dei teli in spugna. Per un tocco extra di morbidezza puoi usare un ammorbidente, anche in questo causo neutro e privo di sostanze allergeniche, ma prova a usarlo solo ogni due o tre lavaggi. Infine, se lo desideri puoi anche aggiungere al detersivo un cucchiaino di additivo igienizzante.


asciugamani bagno e teli doccia

Come farli asciugare

Ora che sai come lavare gli asciugamani, è importante conoscere il procedimento migliore per l’asciugatura. Per prima cosa, è importante rimuoverli subito dalla lavatrice e scuoterli leggermente; se li lasci troppo tempo ammucchiati nel cestello, potresti poi impiegare più tempo per asciugarli e potrebbe addirittura formarsi un odore poco gradevole. Se hai un’asciugatrice, metti tutti gli asciugamani nel cestello e procedi con il programma di asciugatura specifico per il cotone. Se vuoi conferire una profumazione leggera, inserisci anche un apposito foglio profumato, che trovi al supermercato o nei siti dedicati alla pulizia della casa.

Se non hai un’asciugatrice, niente paura: far asciugare i panni su uno stendino posizionato al sole è sempre la cosa migliore da fare, soprattutto durante la bella stagione. Stendi gli asciugamani all’aperto, vicino a una finestra aperta in una posizione soleggiata oppure vicino a un calorifero in inverno. Ti ricordiamo inoltre che teli e salviette in microfibra, lino, a nido d’ape e in altri tessuti particolari devono sempre essere asciugati all’aria aperta perché l’asciugatrice potrebbe rovinarli.


asciugamani per bagno

3 metodi naturali per asciugamani morbidissimi

Seguendo attentamente i passaggi che ti abbiamo appena elencato su come lavare i tuoi asciugamani, i tuoi set da bagno saranno sempre impeccabili, come nuovi. Per concludere, ti consigliamo di provare questi tre suggerimenti eco-compatibili per renderli più soffici e puliti, rispettando l’ambiente.

  • Usa il bicarbonato per il lavaggio: per sciogliere le macchie e rimuovere eventuali sostanze chimiche, rendendo gli asciugamani più morbidi, affidati al classico rimedio della nonna. Basta mescolare mezza tazza di bicarbonato di sodio con la normale quantità di detersivo e procedere con il lavaggio; in più, è ottimo persino per ravvivare il bianco.
  • Metti due palline da tennis in lavatrice: non ci avresti mai pensato, vero? In realtà è un ottimo trucco fai-da-te per rendere i tuoi asciugamani più soffici. Muovendosi durante il lavaggio le palline agiscono meccanicamente, favorendo una profonda azione pulente. Le puoi anche usare nell’asciugatrice, dove ti aiuteranno a ridurre le pieghe, accelerando i tempi di asciugatura; aggiungendo qualche goccia di olio essenziale alle palline avrai un piacevole profumo.
  • Sostituisci l’ammorbidente con l’aceto: se lavi i tuoi asciugamani per la prima volta o se vuoi fare un lavaggio più intenso, aggiungi mezza tazza di aceto bianco nel cestello della lavatrice prima di avviare il programma. L’aceto ha infatti tre qualità: ammorbidisce i tessuti, rimuove gli odori ed elimina lo sporco.

Ti sono piaciuti i nostri consigli su come lavare gli asciugamani? Scopri tante altre guide utili!



Prodotti correlati